TELECOMUNICAZIONI icoTELECOMUNICAZIONI

Gepin Contact

SCARICAScarica il comunicato

SLC-CGIL Roma e Lazio:Il Ministero del Lavoro, indifferente su licenziamenti in una commessa da loro data in appalto.
Nei prossimi, giorni 15 lavoratrici/ri di Gepin Contact rischiano di essere licenziati a causa della fine dell’appalto. La cosa grave è che il Ministero del Lavoro ne è il committente . E’ quanto dichiarano Fabrizio Micarelli e Barbara Cosimi rispettivamente Segretario Regionale e Territoriale di SLC-CGIL di Roma e Lazio. 

I lavoratori, da circa 20 anni prestano servizio presso la sede del Ministero del Lavoro, rispondendo al numero verde, quindi un interfaccia importante e qualificata, pur non essendo mai stati dipendenti, sono infatti stati assunti di volta in volta dalle aziende che negli anni si sono aggiudicate le gara di appalto. Oggi il Ministero, decidendo di riorganizzare il servizio e di non rimettere a gara la commessa, non garantisce più la continuità occupazionale e i lavoratori rischiano il posto di lavoro. Alla luce di quanto sta avvenendo, continuano i sindacalisti della Slc-Cgil, chiediamo al Ministero del Lavoro un intervento in vista dell’imminente scadenza dell’appalto prevista per i primi di novembre. Intervento che dovrà garantire la salvaguardia dei posti di lavoro e il Ministero non può girarsi dall’altra parte, soprattutto in un momento in cui, si sta parlando finalmente della necessità della salvaguardia e rilancio dell’occupazione come una delle vie di uscita dalla crisi.