SPETTACOLO icoSPETTACOLO

CAPANNELLE,
L’AZIENDA DISPOSTA AD ASSUMERE EX LAVORATORI TOR DI VALLE

SCARICAScarica il comunicato

La drammatica vicenda degli ex lavoratori di Tor di Valle, da gennaio senza lavoro,  potrebbe concludersi positivamente. E' quanto dichiarano in una nota congiunta la Segreteria Regionale, Territoriale e Rsu di Slc CGIL e Uilcom UIL di Roma e Lazio.

 

Il 4 ottobre su nostra richiesta, si e' svolto un incontro presso l' ippodromo di Capannelle, e dopo aver chiesto a che punto fossero i lavori per la costruzione della pista del trotto, abbiamo  rivendicato nei confronti di Hippogroup Capannelle, il mantenimento degli impegni presi nei vari incontri istituzionali, sia locali che nazionali, riguardo la salvaguardia dei livelli occupazionali degli ex lavoratori di Tor di Valle.

 

L'azienda, alle nostre richieste, ha replicato dichiarando che i lavori per la costruzione della pista di trotto stanno procedendo secondo programma e che dovrebbero concludersi entro novembre tempo utile per la disputa della storica  corsa trotto il “Derby”.

Per quanto riguarda le assunzioni dei lavoratori ex Tor di Valle, continua la nota l'azienda si è dichiarata disponibile, riservandosi pero', un approfondimento necessario per valutare il reale fabbisogno professionale,  per il nuovo modello organizzativo, che vede l'integrazione di trotto e galoppo.

Abbiamo quindi  calendarizzato il nuovo incontro, che noi auspichiamo risolutivo del problema occupazionale per il giorno 14 ottobre p.v.

 

Il nuovo progetto Capannelle, trotto e galoppo insieme aperto anche ad altre attività collaterali, lo abbiamo sempre sostenuto con forza, continua la nota, perche’  ritenuto  l'unico che potesse rilanciare l'ippica nella Capitale, e allo stesso tempo dare risposte positive per il  riassorbimento dei  lavoratori di Tor di Valle, in un momento in cui, nel paese ma  soprattutto nelle nostra Regione non si parla che di chiusure di aziende e perdita di posti di lavoro.

Poter parlare di lavoro  in termini di nuove assunzioni è estremamente importante concludono i sindacalisti.