SPETTACOLO icoSPETTACOLO

Comunicato stampa
Tor di Valle

SCARICAScarica il comunicato

Tor di ValleSLC-CGIL Roma e Lazio - Importante la ripresa dell’attività di corse, ora però vanno verificati ed  affrontati tutta una serie di problematiche.

Abbiamo appreso dalle agenzie stampa, dell’accordo per la gestione temporanea dell’ippodromo di Tor di Valle, da parte di “Sistema cavallo” società di Silvio Toriello già noto nel settore in quanto gestisce l’ippodromo di Follonica - dichiara FABRIZIO MICARELLI della Segreteria Regionale SLC-CGIL Roma e Lazio.

Bisogna ora analizzare tutta una serie di aspetti, non secondari,  che vanno sia dalla durata del contratto di gestione, comunque a termine, sia da quando e con quale modalità i 50 lavoratori verranno riassunti. Questi ricorda Micarelli, sono anche creditori di almeno 10 mensilità e il 30 aprile scadrà la loro cassa integrazione. Non si può far finta che questi problemi non esistano e che  in questi mesi nulla sia successo.  

Viste le novità, ancora più importante sarà l’incontro già fissato per il 24 aprile, con il Comune di Roma, perché il nostro obbiettivo, era ed è sempre quello di un progetto di rilancio dell’ippica nella capitale, la soluzione quindi non può essere a termine ma c’è bisogno di un piano che abbia delle prospettive future.

Il progetto, su cui le  forze politiche di maggioranza e opposizione sia del Comune che del Municipio, insieme ai  sindacati e alle categorie si sono impegnati, cioè lo spostamento del trotto a Capannelle,  va in quella direzione e va quindi portato avanti senza indugi e ripensamenti. Il piano darebbe anche  ampie garanzie   di sviluppo, con la concreta possibilità di riassorbimento di manodopera e anche nuova occupazione.

La ripresa temporanea delle corse a Tor di Valle, conclude Micarelli, è senz’altro positiva, ma come anticipavo vanno superati e chiariti alcuni aspetti e non deve minimamente ostacolare o rallentare i futuri progetti. Vanno studiati con attenzione anche i tempi di realizzo senza che l’uno possa escludere l’altro.