SPETTACOLO icoSPETTACOLO

Ippodromo di Tor di Valle
Lavoratori in presidio sotto il Campidoglio.

SCARICAScarica il comunicato

Questa mattina con i 50 lavoratori dell’Ippodromo di Tor di valle, abbiamo manifestato sotto il Campidoglio, per richiamare l’attenzione dell’amministrazione Capitolina, a seguito dell’ annunciata chiusura dell’attività dello storico impianto del trotto. Questo è quanto dichiarano in una nota i rappresentanti sindacali FABRIZIO MICARELLI Segr. Reg.le SLC-CGIL Roma e Lazio e MASSIMILIANO MONTESI Segr. Terr.le SLC-CGIL Roma Ovest e FRANCO MARZIALE della UILCOM-UIL Reg.le. 

Durante il presidio una delegazione è stata ricevuta dell’assessore allo sport Dott. Coghi, dal Dott. Lucarelli delegato del sindaco e dal Dott. Campanile. Come organizzazioni sindacali abbiamo esposto la tragica situazione in cui si trovano i 50 lavoratori con le rispettive famiglie, che da oltre 9 mesi non percepiscono lo stipendio ed ora vedono concretizzarsi la perdita del posto di lavoro. Abbiamo avanzato proposte concrete per possibili soluzioni, continua la nota. La delegazione Capitolina riconoscendo le ragioni della protesta e l’iniziale sottovalutazione del problema, si è impegnata ad aprire due tavoli di confronto: - Un tavolo riguarderà il coinvolgimento dell’Ippodromo di Capannelle per il mantenimento delle corse di trotto nella Capitale e provare a ricollocare una parte dei lavoratori di Tor di Valle, ricordiamo che il Comune è proprietario dell’Ippodromo di Capannelle . -L’atro tavolo riguarderà il coinvolgimento del Dott. Parnasi, titolare dell’impresa che dovrebbe costruire il nuovo stadio nascerà dalle ceneri dell’ippodromo, per verificare se ci sono spazi per la ricollocazione dei restanti lavoratori in un contesto anche extra ippica. In conclusione continuano i sindacalisti, pur apprezzando l’impegno della delegazione capitolina e condividendo il percorso tracciato il nostro giudizio è molto prudente in attesa della prossima convocazione che come concordato dovrà esserci entro metà febbraio.