SPETTACOLO icoSPETTACOLO

CIRCOLI SPORTIVI
Comunicato Stampa e Volantino sciopero

SCARICAScarica il comunicato stampa
SCARICAScarica il Volantino dello sciopero

COMUNICATO STAMPA

Slc-Cgil : continua lo sciopero dei circoli sportivi di Roma per il rinnovo del contratto collettivo.

Dopo l’ottimo risultato ottenuto con lo sciopero del 26 ottobre u.s. da parte dei circoli sportivi più importanti della città di Roma, il 15 novembre si replica di nuovo con un ulteriore giornata di sciopero con relativa manifestazione presso il Circolo Tennis Parioli dove confluiranno tutti i lavoratori degli altri circoli interessati al rinnovo del contratto collettivo.


Questo è quanto dichiarano in una nota il Segretario regionale Slc-Cgil Roma e Lazio Fabrizio Micarelli e la Segretaria territoriale Slc-Cgil di Roma nord Susanna Basile.

 

Con senso di responsabilità le organizzazioni sindacali SLC-CGIL FISASCAT CISL e UILCOM- UIL, d’accordo con i lavoratori, pur di arrivare ad un rinnovo del contratto in tempi brevi, hanno deciso di rinunciare a molte rivendicazioni presenti in piattaforma e a limitare le richieste al solo recupero del potere di acquisto del salario e all’aumento di mezzo punto percentuale della contribuzione datoriale sulla previdenza integrativa della Categoria.


Nonostante la nostra disponibilità - continua la nota - la controparte, a quasi un anno dalla scadenza naturale insiste a non voler rinnovare il contratto, giustificando il mancato rinnovo con motivazioni non veritiere e strumentali a tutto svantaggio del buon esito della trattativa; il clima che si diffonde, anche all’interno dei circoli, sembra creato ad arte per screditare i lavoratori che, invece, non soltanto sostengono il sacrificio dello sciopero per difendere i propri diritti, ma, intanto, con senso di appartenenza, responsabilità e professionalità continuano a svolgere il proprio lavoro.


Micarelli e Basile infine affermano che, qualora i Circoli persistessero nel mostrare chiusura verso il rinnovo del Contratto collettivo dispiegando, nel contempo, tentativi di dissuasione volti a spaccare l’unità dei Lavoratori, la protesta non si fermerà al 15 novembre ma continuerà ad oltranza.