Home Settori e Documenti TELECOMUNICAZIONI Tim TIM Comunicato moving (12-18)


TIM Comunicato moving (12-18)

Cambia la grandezza dei caratteri:

LAVORO AGILE: BASTA MENZOGNE!

SCARICAScarica il comunicato

 

    Slc-CGIL Roma e Lazio esprime grande disappunto rispetto al comportamento aziendale sul tema del lavoro agile.
Scrive l’azienda sulla intranet: “Nonostante la disponibilità espressa dall’azienda, non è stato possibile ad oggi negoziare un nuovo accordo che consenta di confermare e far evolvere ulteriormente questa nuova modalità di lavoro”.
    Di quale disponibilità si parla? Negli incontri sindacali nazionali convocati con odg “rinnovo del II livello contrattuale”, l’unico tema posto dall’Azienda è stato la totale fruizione dei permessi individuali e delle ferie entro l’anno di maturazione.
   Slc-CGIL Fistel-CISL Uilcom-UIL, nella piattaforma approvata dalla stragrande maggioranza delle lavoratrici e lavoratori, rivendicano rispetto al Lavoro Agile: Estensione della situazione in essere (maggior numeri di giorni complessivi) con un aumento delle giornate presso il domicilio, estensione ad altri settori aziendali.
   Commissione nazionale/territoriale che a livello centrale monitori complessivamente l’andamento mentre territorialmente entri nelle realtà del territorio per effettuare analisi puntuali delle sedi e della strumentazioni necessarie per effettuare il lavoro agile.
   Estensione dell’erogazione del buono pasto a tutte le prestazioni, pari o superiori a 5 ore, realizzate con qualsiasi modalità ed ambito (quindi anche in caso di lavoro agile domiciliare).

   Ora: nell’impossibilità di addivenire ad un accordo migliorativo entro il 31 dicembre p.v., e nell’attesa di una discussione complessiva sul II livello, la proroga dell’istituto del lavoro agile è comunque nelle disponibilità dell’Azienda, che non è necessariamente costretta ad un accordo sindacale.

   Quindi, è del tutto inutile che TIM addossi qualsivoglia responsabilità alle   Organizzazioni sindacali: dipende solo da lei.
L’accordo deve prevedere condizioni di miglior favore per tutti, a partire dalle dotazioni necessarie: per una migliore conciliazione vita-lavoro, in particolare per chi sta subendo i gravi disagi legati al moving e per chi ogni giorno affronta le criticità di vivibilità di una grande città complessa come Roma; per il diritto alla disconnessione.
   Ricordiamo inoltre che il LA nella nostra città è stato utilizzato dall’azienda anche per tamponare ritardi ed inefficienze del progetto moving e per contenere la capienza di diverse sedi su cui, ancora oggi, sono in corso lavori e relativi adeguamenti normativi.
   Slc-CGIL conferma la disponibilità al confronto, TIM dimostri la sua già a partire dal prossimo incontro. Preoccupa seriamente che TIM, nel dispiegarsi della digitalizzazione di processi e prodotti, si privi di una modalità di svolgimento della mansione innovativa come il lavoro agile solo per gettare discredito sul sindacato, alla faccia di una più efficiente ed efficace organizzazione del lavoro, della produttività, e più in generale del perseguimento della missione industriale.

 

Roma, 21 dicembre 2018

 

Slc-CGIL Roma e Lazio

Cerca


TLC-17-09-2012 (24).JPG

----------

 

 

*CAAF CGIL*
 

 

SCARICA

SCARICA


Problemi con il 730?
Contatta il CAF

 

 

Rassegna.it

Feed del sito ANSA

Media YouTube


 

Vedi i filmati