Laziolink

Ultimissime


Feed del sito ANSA

News di Topnews - ANSA.it
Updated every day - FOR PERSONAL USE ONLY

Rassegna.it

TLC-17-09-2012 (15).JPG
Home Settori e Documenti TELECOMUNICAZIONI Documenti TLC TELECOMUNICAZIONI Comunciato installazioni (10-17)
Messaggio
  • EU Direttiva e-Privacy

    Questo sito utilizza cookie, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze e autenticazione.

    Vedi Privacy Policy



TELECOMUNICAZIONI Comunciato installazioni (10-17)

Cambia la grandezza dei caratteri:

COMUNICATO SINDACALE DEL
COORDINAMENTO TLC / INSTALLAZIONI TELEFONICHE

SCARICAScarica il comunicato SCARICARichiesta incontro

 

     In data mercoledì 11 corrente mese le Strutture di Roma e Lazio delle Categorie FIOM ed SLC, di concerto ad una rappresentanza CGIL Regionale, si sono riunite alla presenza di componenti delle RSU ed RLS delle aziende appaltatrici e appaltanti del settore delle telecomunicazioni.

     In primo luogo il Coordinamento esprime solidarietà e vicinanza a tutti i avoratori e le lavoratrici coinvolti in varie crisi aziendali ,in particolare ai dipendenti delle multinazionali Nokia-Alcatel-Lucent ed Ericsson, coinvolti in procedure di licenziamenti collettivi.

     Dagli interventi effettuati nella riunione si evince quanto segue:
     tanto più si allunga la catena di appalti e subappalti, quanto più si registrano violazioni del disposto del Testo unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro Decreto legislativo 9/2008, n. 81 – condizione ancor più critica in assenza di RLS;

sebbene il settore sia interessato da ingenti investimenti, pubblici e privati, per la posa della fibra ottica, insistono pratiche deprecabili – tra cui, licenziamenti collettivi e domande di ammortizzatori sociali (anche in assenza di accordo sindacale) e contestuale conferimento delle attività in appalto e subappalto; assunzioni a tempo determinato od in somministrazione, anche in barba ai recenti Protocolli sulla buona occupazione e legalità firmato dal Ministero dello Sviluppo economico, Infratel Italia Spa, Assotelecomunicazioni ASSTEL, e dalle categorie di CGIL CISL UIL telecomunicazioni e metalmeccaniche;

     Il responsabile CGIL Roma Lazio con delega alla sicurezza ha sottolineato come il tema degli appalti e la sicurezza sia un argomento a cui tutta la CGIL nelle sue varie articolazioni presta moltissima attenzione. Ci ha inoltre riferito del rifiuto al confronto da parte delle associazioni datoriali in ambito Co.Re.Co. (Comitato regionale di coordinamento sulla salute e sicurezza sui posti di lavoro).

     Il coordinamento chiede trasparenza nell'aggiudica delle gare di appalto, tempestività nella comunicazione dell’apertura dei cantieri, che a nostro parere agevolerebbe il lavoro delle istituzioni deputate al rispetto delle norme a tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. Tutto ciò passa per una rinnovata responsabilità sociale di cui le aziende non intendono farsi carico.

     La Confederazione ha inoltre rilanciato, in continuità con gli impegni dell’Assemblea RLS e RLST dell’ottobre 2016, l’urgente necessità di istituire la figura del Rappresentante per la Sicurezza di sito, per ovviare alle difficoltà di nomina degli RLS nelle aziende più piccole. E di dare sempre più spazio alle politiche di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nell’ambito della contrattazione collettiva, non già limitandosi a monetizzare il rischio, ma per la riduzione dello stesso.

     Le RSU e gli RLS condividono le analisi delle strutture sindacali ed individuano il coordinamento come strumento efficace per affrontare le vertenze in atto nelle aziende del comparto.

     Le Categorie SLC e FIOM nell’accogliere l’invito dei partecipanti si sono impegnate a costruire una rete di comunicazione tra tutti gli RSU/RLS delle aziende del settore, in modo da agevolare il loro ruolo attraverso uno scambio d’informazioni indispensabile per costruire una rete, utile anche negli incontri con le Istituzioni;

     Hanno concordato Inoltre di rivolgersi all’Assessorato alle Politiche del lavoro della Regione Lazio per avviare un tavolo istituzionale alla presenza della controparte datoriale, per provare a consolidare lo sviluppo del comparto quanto a legalità e sicurezza, e si sono fatte carico di investire le Strutture nazionali delle criticità emerse dall’attivo del Coordinamento, nonché di socializzare il presente comunicato e le conseguenti iniziative tra tutte le Strutture regionali in modo da sensibilizzare le migliaia di lavoratori e lavoratrici del comparto.

 

Roma, 16 ottobre 2017

 

COORDINAMENTO CGIL FIOM SLC
TLC / ISTALLAZIONI TELEFONICHE